Vai al men¨ principale Vai al men¨ secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Liceo Scientifico Augusto Righi di Cesena (FC)
LICEO SCIENTIFICO STATALE
"AUGUSTO RIGHI"
Piazza Aldo Moro, 20 ľ 47521 - Cesena (FC) - Tel. 0547 21047 - PEC: fops010006@pec.istruzione.it
Posta istituzionale: fops010006@istruzione.it - E-mail per informazioni: info@liceorighi.it
Liceo Scientifico Augusto Righi di Cesena (FC)
Liceo Scientifico Augusto Righi di Cesena (FC)
LICEO SCIENTIFICO STATALE
"AUGUSTO RIGHI"
Amministrazione trasparente
Sezioni principali
L'istituto
Offerta formativa
AttivitÓ e progetti
Servizi on-line
Archivio e Pubblicazioni

Il Bancarella nelle scuole 2014 - le "penne" vincenti del Righi

Il Bancarella nelle scuole 2014 - le "penne" vincenti del Righi

Vincitrice assoluta per la migliore recensione      CALDACI DOMIZIANA  - classe 3A  

Recensione a
RONALD H. BALSON, Volevo solo averti accanto, Milano, Garzanti, 2014

Chicago, Illinois, settembre 2004. Ben Solomon, un anziano ebreo scampato ai campi di sterminio, si prepara nervosamente nel suo bilocale affacciato sul lago Michigan per raggiungere la Civic Opera House. E’ la sera del gran gala di apertura del prestigioso teatro, con la partecipazione anche dell’importantissimo Elliot Rosenweig, il Gran Benefattore della città. Ben aspetta solo di incontrarlo. Sono passati anni dall’ultima volta che l’ha visto, ma non ha dubbi: Elliot non è chi afferma di essere ora. Così, tra la folla atterrita del teatro, gli punta una pistola scarica alla fronte e lo accusa di essere, in realtà, il famigerato ex ufficiale nazista Otto Piatek, così feroce da essere soprannominato il Macellaio di Zamość. Ma l’accusa appare troppo assurda e nessuno è disposto a credergli. L’unica ad avvertire che dietro la storia di Ben debba esserci qualcosa di spaventosamente grande, per cui valga la pena di ascoltarlo, è la giovane avvocatessa Catherine Lockhart, una donna forte quanto fragile, affiancata dall’amico ed investigatore privato Liam Taggart. Comincia così, istante per istante, il racconto di Ben, che si alterna tra il presente e il passato, fra la sfavillante Chicago dei giorni nostri e la Polonia degli anni Trenta dilaniata dal nazismo. I ricordi di Ben sono ancora estremamente vivi ed il dolore è tanto ripensando al tremendo tradimento di quello che quasi considerava un fratello, ai cambiamenti inesorabili del suo Paese e al grande amore della sua vita, mai dimenticato.
Dalla penna di Ronald H. Balson, avvocato statunitense e scrittore esordiente, è nato un romanzo ricco di emozioni che riporta, con impressionante intensità, fra le strade di una realtà lacerata dalla seconda guerra mondiale e dagli orrori del nazismo. Volevo solo averti accanto (Garzanti libri, €14.90, 420 pagine) è un viaggio in un passato indelebile, una lotta per la verità, una continua e sconcertante scoperta di segreti tenuti nascosti. I fatti sono narrati con grande naturalezza e vicinanza ed è sconvolgente la così piccola distanza che ci separa dall’Olocausto, una delle manifestazioni più atroci del male mai avvenute, che Ben è deciso a combattere, scalando la montagna della giustizia con l’aiuto di Catherine. Sembra impossibile vincere il processo contro Elliot Rosenweig, l’uomo apprezzato e stimato da tutti, e combattere la battaglia fino ad ottenere la pace, ma la sofferenza da riscattare e il desiderio di verità sono alti e bisogna arrivare fino in fondo. Nigdy się nie poddamy, dice Ben. Mai arrendersi.

Domiziana Caldaci III Ab
 

Migliore recensione nella sestina            GENNARI CRISTINA  classe 3A

MIGLIORE RECENSIONE DEL VOLUME
Albert Espinosa, Braccialetti rossi, Milano, Salani Editore, 2014

«Ciò che segna, insegna». Questo Albert Espinosa lo sa bene. Così dopo una vita travagliata, un cancro affrontato, combattuto, vinto, una gamba (la sinistra) e un polmone in meno, molte esperienze raccolte e dopo aver imparato tanto, forse troppo, ha deciso di regalare regalandosi. Proprio così: Albert, con profonda e disinteressata generosità, ha deciso di non tenere per sé gli insegnamenti della vita ma di condividerli con tutti. Raccontandosi senza filtri ha fatto un dono, prezioso quanto inaspettato: una lezione grande sotto forma di manuale che insegna come vivere. Il suo libro Braccialetti rossi (Salani Editore, € 12,90, 172 pagine) è un inno alla vita, un diario che non racconta semplicemente i suoi dieci anni trascorsi in ospedale, ma parla di scoperte (23 per precisione), di gialli, di amore per la vita. Con un linguaggio semplice, diretto, simpatico parla di sé e degli altri. Dopo aver interiorizzato la sua difficile esperienza e i duri insegnamenti che ha ben presto dovuto imparare ne parla come si usa di solito fare per una passeggiata al mare, una partita a calcetto o una vacanza tra amici. Perché il suo scopo non è certamente quello di essere commiserato e compianto. Albert vuole dare consigli, vuole che la vita sia amata e compresa, vuole che gli altri scoprano ciò che lui ha imparato. I gialli, per esempio. Ognuno ne ha ventitrè. Sono persone tra l’amicizia e l’amore che lasciano il segno nella nostra vita, rendendoci migliori. Con una precisione da manuale per computer o altri strumenti elettronici, l’autore descrive passo a passo come individuare i gialli, come comportarci con loro e come viverli. Per Albert il mondo deve essere giallo. Gli altri colori possono essere belli, ma il giallo ha qualcosa in più. E’ un modo di vedere la vita, di vivere. E’ un mondo fatto di scoperte che l’autore, da ingegnere qual è, ci regala tramite una lista. Insegnamenti in fila che dovrebbero aiutarci a organizzare la vita. Le perdite sono positive. La parola “dolore” non esiste. Fai cinque buone domande al giorno. Il resto è da scoprire leggendo il libro…


Cristina Gennari, III Ab

Vincitrice per l'istituto    MONTANARI SILVIA   classe 4E

Recensione a
Michela Marzano, L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore, Torino, utet, 2013

Il libro L’amore è tutto di Michela Marzano è racchiuso tra le due citazioni iniziali: da una parte la sensibilità femminile delle parole di Emily Dickinson, riprese anche nel titolo; dall’altra l’analisi scientifica, ma non per questo meno emozionale, dello psichiatra Ronal Laing.
Tra questi due poli si sviluppa la riflessione dell’autrice, che alterna momenti in cui i sentimenti prevalgono e travolgono tutto, anche il lessico, che diventa ossessivo e ripetitivo nella ricerca della definizione precisa, ad altri in cui l’autrice mostra il suo essere filosofa, attraverso riflessioni più articolate.
Michela Marzano sembra, quindi, identificarsi nei versi della Dickinson, nella sua visione totalizzante dell’amore, di cui vuole scrivere, nonostante gli amici glielo abbiano sconsigliato, perché dell’amore si è già parlato troppo e dunque il rischio che si corre è di dire cose già dette.

È evidente però che l’autrice ha bisogno di parlare dell’amore, un sentimento unico, che “dura per sempre”, che è inspiegabile, perché indipendente dalle qualità dell’altro, che tormenta e salva, che non può essere confuso con la passione, che non pone condizioni, che “è la chiave” e insieme “è la risposta” e che consente di riattaccare quei frammenti interiori che ognuno si porta dentro sin da bambino.
Ed ecco che dalla Dickinson siamo arrivati a Laing: dalla visione totalizzante della prima siamo giunti alla visione dell’amore come sentimento senza il quale la nostra personalità va in pezzi e attraverso il quale vengono aggiustati questi stessi pezzi.
Nella Marzano è, quindi, importante distinguere la donna e la filosofa: la prima è la protagonista dei 41 capitoli di racconto emozionale, la seconda affiora nei 7 intermezzi di approfondimento e di confronto filosofico. Questi ultimi, che iniziano sempre con una citazione, sono i momenti migliori del libro, poiché qui, misurandosi con un filosofo o uno scrittore, l’autrice ci offre una sua personale e motivata visione dell’amore, non solo un sentimento, ma anche un oggetto di studio.
Se il lettore cercasse una storia nel libro resterebbe deluso, perché qui non c’è una vicenda nel senso tradizionale del termine, ma piuttosto un sottile filo che ordina i riferimenti autobiografici in cui domina Jacques, ma dove importanti risultano essere anche il padre della Marzano, la madre, i suoi ex.

La ripetitività e lo smarrimento che il lettore percepisce nei capitoli iniziali si risolvono nella parte finale del “romanzo”, in cui la Marzano arriva alla scoperta che l’amore è uno solo, lo stesso che lega l’amante all’amata, la madre al figlio, la figlia al padre. La ripetitività è una scelta, come nel caso della domanda che l’autrice si pone ossessivamente dal capitolo venticinque («ma poi, se ho un figlio, mi devo alzare presto per accompagnarlo a scuola, vero?»): inizialmente la scelta di non diventare madre sembra giustificata da un’enorme pigrizia, ma in realtà c’è una specie di nostalgia per quell’amore che Michela non potrà mai provare e l’unica cosa che le resta da fare è trovare una magra consolazione nel poter dormire fino a tardi la mattina.
La piccola Michela che sognava il principe azzurro («il dramma, con le fiabe, è che non ci sia scritto da nessuna parte come sia questo benedetto principe»), diventata donna, sposa Jacques, ma anche se ora deve confrontarsi con i figli di lui, con la sua ex-moglie, con il fatto che lui di figli non ne vuole altri e che dunque le nega la maternità, tutto ciò non conta, perché, come scrive nell’ultima riga del libro, «quando di amore ce n’è tanto, il resto non importa».

Silvia Montanari IV E

 

Menzione speciale    BOTTIGNOLE LIVIA  classe 4C    

Recensione a
Veit Heinichen, Il suo peggior nemico, Roma, Edizioni E/O, 2013 

Che cosa collega la misteriosa e inaspettata morte di un importante magnate dell’imprenditoria norditaliana alla più efferata e meglio organizzata rapina di lingotti dell’ultimo decennio? Quali segreti si celano dietro le ricche e facoltose famiglie della benestante borghesia sudtirolese? Ma soprattutto, come farà questa volta il vicequestore Proteo Laurenti, assistito dalle sue due scaltre collaboratrici Xenia Zannier e Ziva Ravno, a risolvere il difficile caso senza tardare alla festa di compleanno della moglie?
Il suo peggior nemico
è l’ultimo romanzo di Veit Heinichen, in concorso per il Premio Bancarella. Il prolifico scrittore torna sul panorama letterario europeo con una nuova avventura del burbero ed efficiente paladino della giustizia, che si trova ad affrontare un caso in cui politica, traffici internazionali e interessi economici privati si mescolano indistintamente.

Abbracciata da un lato dalle imponenti montagne innevate, dall’altro dal frizzante mare adriatico, si snoda la vicenda che vede gli inquirenti italiani prodigarsi con impegno nell’inseguimento dei banditi, una volta avvenuto con successo l’assalto al ricco portavalori, e nella ricerca dell’assassino di Franz Spechtenhauser, districandosi tra i delicati equilibri di una famiglia interessata più ai profitti che agli affetti.
L’azione non manca, il lettore è sempre col fiato sospeso grazie alla rocambolesca fuga dei criminali attraverso le case di piacere del centro Europa e i più suggestivi e bucolici paesaggi alpini, ma la trama talvolta risulta pesante e un po’ difficile da seguire a causa della pienezza di riferimenti ai dati tecnici e burocratici delle indagini ufficiali.
Con un rapido e capace colpo di penna, Heinichen riesce a delineare lo spessore psicologico di personaggi dalle più diverse personalità: dal “Direttore” e “Einstein”, nomi in codice dei due metodici organizzatori della rapina, alle gemelle Spechtenhauser, le fredde ed esperte imprenditrici figlie della vittima, all’impulsiva e complicata commissaria Xenia Zannier, senza tralasciare il viscido avvocato-parassita di famiglia e alcuni pigri esecutori della legge.
Il romanzo riesce a cogliere un realistico affresco dell’Italia di oggi, coi giovani in lotta contro la crisi, la modernizzazione della criminalità organizzata sempre più legata ai piani alti della politica corrotta, e il clima di tensione di quest’area di confine, generato dalla contesa di diversi interessi culturali ed economici.
Anche il finale riserva una sorpresa: sino alla fine l’indagine non può dirsi veramente conclusa, né la giustizia può trarre l’agognato sospiro di sollievo…
 

Livia Bottignole IV C

 
 

 


Categoria: Archivio e PubblicazioniData di pubblicazione: 15/07/2014
Sottocategoria: EventiData ultima modifica: 15/07/2014
Permalink: Il Bancarella nelle scuole 2014 - le "penne" vincenti del RighiTag: Il Bancarella nelle scuole 2014 - le "penne" vincenti del Righi
Inserita da adminVisualizzazioni: 851
Top news: NoPrimo piano: No

 Feed RSSStampa la pagina 
Torna indietro Torna su: access key 5
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2019 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 8769
N. visitatori: 4364169